Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Contatti Info
an image
Sindacato Avvocati
Palazzo di Giustizia
Via Lo Feudo, 10
65129 Pescara
Email: info@anfpescara.it

Tel:  085.4514615
Fax: 085.4514614


Regalo di fine anno alla lobby degli assicuratori col DL 145/2013

L’art. 8, denominato “Disposizioni in materia di assicurazione R.C. auto”, dichiaratamente avente il fine di ridurre i premi per la “RC auto”, in realtà appare destinato a favorire ulteriormente le società assicuratrici, introducendo una serie di nuovi “paletti” che renderanno ancora più problematico a chi è rimasto coinvolto in un incidente stradale far valere i propri diritti. Le novità che il DL introduce appaiono in effetti a dir poco discutibili e sembrano in realtà predisposte a tutelare ancor più gli interessi delle soc. assicuratrici piuttosto che quelli degli assicurati. In tal senso si pone ad esempio la previsione per cui l'identificazione di eventuali testimoni presenti sul luogo dell’incidente deve risultare dalla denuncia di sinistro di cui all’art. dall'articolo 143 CdA, nonchè dalla richiesta di risarcimento presentata all'impresa di assicurazione ai sensi degli articoli 148 e 149. L'identificazione dei testimoni avvenuta in un momento successivo comporterà l'inammissibilita' della prova testimoniale addotta. Invece di preoccuparsi di lesioni, danni e quant’altro, l’incidentato dovrà dunque pensare subito, non si sa in quali condizioni, a cercare testimoni, perché in caso di giudizio il giudice non ammetterà le testimonianze non acquisite secondo le modalità previste dal comma 3-bis. L'audizione dei testimoni non indicati nel rispetto del comma 3-bis potrà avvenire nei soli casi in cui risulterà comprovata l'oggettiva impossibilita' della loro tempestiva identificazione. Altra singolarità è quella per cui il giudice potrà verificare, servendosi dell’archivio integrato di cui all’art. 21 del DL 179/2012, se i testi abbiano reso deposizioni in altre cause nel settore dell'infortunistica stradale (più di tre negli ultimi 5 anni) e,in caso affermativo, trasmetterà l'informativa alla Procura della Repubblica competente per gli ulteriori accertamenti. Non basterà dunque trovare testimoni ma anche preoccuparsi che non abbiano già testimoniato in altre occasioni. Che dire poi della possibilità per le soc. assicuratrici di provvedere al risarcimento del danno in forma specifica in alternativa al risarcimento per equivalente? Sarà infatti facoltà delle imprese di assicurazione, in assenza di responsabilità concorsuale, risarcire in forma specifica danni a cose, fornendo "idonea" garanzia sulle riparazioni effettuate. Altro assist alle compagnie assicuratrici riguarda la facoltà di prevedere all'atto della stipula del contratto di assicurazione e in occasione delle scadenze successive, che il diritto al risarcimento dei danni derivanti dalla circolazione non sia cedibile a terzi senza il consenso dell'assicuratore tenuto al risarcimento. O anche di proporre clausole contrattuali, facoltative per l'assicurato, che prevedano prestazioni di servizi medico-sanitari resi da professionisti individuati e remunerati dalle medesime imprese. Nel caso in cui l'assicurato acconsentirà all'inserimento di tali clausole, l'impresa applicherà una significativa riduzione del premio a beneficio dell'assicurato. Notevole anche la modifica al secondo comma dell'articolo 2947 del codice civile: «Per il risarcimento del danno prodotto dalla circolazione dei veicoli di ogni specie il diritto si prescrive in due anni. In ogni caso il danneggiato decade dal diritto qualora la richiesta di risarcimento non venga presentata entro tre mesi dal fatto dannoso, salvo i casi di forza maggiore.». A fronte di tali incisive restrizioni vengono prospettati sconti ed agevolazioni sui premi assicurativi, ma con meccanismi complessi e poco decifrabili dagli utenti. Ma sappiamo già che tutte le precedenti modifiche apportate nel dichiarato interesse degli utenti, in termini di riduzione dei premi, hanno trovato ben scarsa applicazione. Nella sezione DOCUMENTI il testo dell'art. 8

 » indietro

 

varie

News

Adesioni

Area58